Renzo Montagnani

Venti anni fa se ne andava in punta di piedi Renzo Montagnani, la cui carriera ha ricoperto tutti gli spazi che il mondo dello spettacolo possa offrire ad un artista: radio, teatro, cinema, televisione e musica. Ma siamo sicuri di conoscere davvero questo eclettico personaggio? L’opinione comune, a distanza di tanti anni, lo ricorda esclusivamente come il mattatore della commedia sexy all’italiana, ma Renzo Montagnani è stato molto di più. Questa biografia, basata su rigorose ricerche d’archivio e ricca di testimonianze inedite, getta luce su un attore che non sempre ha potuto scegliere il proprio percorso artistico: il divieto da parte dei genitori di frequentare l’Accademia D’Arte Drammatica, la nascita di un figlio affetto da gravi disabilità cognitive, i severi giudizi da parte di una certa critica e le numerose delusioni personali. E poi gli amori, le malinconie, l’alcool. La verità storica in contrasto con quella ideale da lui stesso promulgata, dalle radici profondamente toscane alla finta laurea in farmacia. Un attore e un uomo capace di passare dalla comicità più sfrenata alla tristezza più nera. Questo libro restituisce dignità a un grande interprete che il nostro Teatro ha vantato di avere e che il Cinema invece si è lasciato sfuggire.

Pagine 212, ill.