Donne nel cinema di regime

Un ennesimo tassello – e forse uno dei più attesi – sulla produzione cinematografica italiana di regime. Il grande schermo cerca una “sua” strada grazie alle donne, indiscusse protagoniste del genere imperante della commedia, ma anche di quello meno praticato del melodramma. Adolescenti in fiore, adultere, angeli della patria, vittime sacrificali, femmes fatales, donne volitive si propongono all’immaginario collettivo come modelli di comportamento fra tradizione e desiderio di emancipazione. Vere e proprie Dive, oggi per lo più dimenticate: Isa Miranda, Maria Denis, Alida Valli, Assia Noris, Doris Duranti, Mariella Lotti, Clara Calamai, Elsa Merlini, Lilia Silvi… hanno dato un volto a queste donne che il fascismo esaltava sul piano mediatico come “madri e mogli esemplari” ma che allo stesso tempo ricoprivano nuovi ruoli all’interno della società di massa in veste di telefoniste, commesse, dattilografe, indossatrici.

Informazioni aggiuntive