Cinema di Sergio Sollima, Il

Questa monografia pubblicata da Profondo Rosso ripercorre la vicenda artistica di Sergio Sollima, personalità eclettica del cinema italiano, frequentatore di generi classici come il western (La resa dei conti, Faccia a faccia, Corri uomo corri) e il noir (Città violenta, Revolver e Uomo contro uomo in TV) ma mai semplice plagiario della tradizione hollywoodiana.
Come regista e sceneggiatore Sollima metabolizza sia i moduli espressivi che narrativi dei film americani, che aveva studiato in gioventu’ anche come critico cinematografico, imponendosi come eccellente creatore di contrapposizioni psicologiche, virtuosismi visivi, ricostruzioni storiche e adattamenti dalla letteratura avventurosa soprattutto di Emilio Salgari. Nella sua filmografia il cineasta scava, osa, affabula, rischiando anche l’iperbole e l’enfasi per cogliere l’energia dei suoi personaggi, filmando l’epilogo della mitopoiesi che fonda la storia dei generi sia sugli schermi cinematografici che su quelli televisivi, come dimostra il caso epocale di “Sandokan”. Il volume oltre ad un’intervista a Kabir Bedi, comprende saggi di Aurora Auteri, Francesco Carini, Giuseppe Cozzolino, Mario Gerosa, Stefano Iachetti, Antonio Pettierre, Chiara Ricci, Valentino Saccà, Luca Servini e Fabio Zanello.

Informazioni aggiuntive